Case Container – Container Home

Avete mai pensato di vivere in un container? Si si avete capito bene un container navale! bhè se non avete mai preso sul serio questa idea o vi sembra tanto assurda, con questo articolo vi farò cambiare idea e vi mostrerò che anche una casa container può essere una casa di design. 😉

[google]


La loro origine non è poi così recente, infatti negli anni Sessanta in diverse parti del mondo, per rispondere alla crescente domanda di alloggi a basso costo, sono nate le case container, negli anni che sono trascorsi non hanno mai colpito al cuore della gente, perchè nell’idea comune associamo un container a un un tipo di costruzione temporanea o rimediata. Qualcosa, per fortuna, sta cambiando, infatti  in Nord America e in Asia le case-container stanno diventando sempre più sofisticate, costituendo un’alternativa interessante alle costruzioni tradizionali, questo soprattutto grazie a costi di lavorazione e montaggio molto vantaggiosi, riconvertire un container in appartamento costa ben il 25% in meno di una costruzione in cemento.


[google]

Si sta superando così la diffidenza iniziale che riscontravano questi progetti, che sono in realtà delle vere e proprie case, moderne, flessibili, riciclabili e ampliabili e questo lo dimostra il fatto che molti architetti e designer si sono dedicati a questa struttura, che ben si presta a una progettazione creativa e funzionale.


[google]

Nei porti ci sono tantissimi container dismessi che possono essere trasformati e riutilizzati come accoglienti abitazioni, uffici o negozi. Le loro misure standard li rendono dei moduli costruttivi, in grado di essere aggregati o tra di loro o a strutture già esistenti. Per case container composte da un unico modulo il range di costo si aggira intorno agli 800 – 900 €/mq; per quelle invece composte da più moduli il prezzo è inferiore, e si aggira intorno ai 600 – 700 €/mq.

Primo progetto : Container economico


Questo prototipo è stato proposto per meno di 8000 euro da un gruppo d’imprenditori americani, è un classico container riadattato ad appartamento, composto da zona pranzo con cucina a vista, una stanza da letto, un ripostiglio e un bagno: è provvisto di finestre per ventilazione e luce, sistema idrico ed elettrico e predisposizione per l’aria condizionata. Le finiture e l’arredo non sono di altissimo livello o di design, ma questa è una soluzione economica e comunque basta cambiare l’arredo con qualcosa di più pregiato e avrete una casa di lusso, ottenuta a un basso prezzo.


In tutti i progetti realizzati dai container, l’aspetto della sostenibilità risulta essere preponderante. Infatti l’utilizzo di una materia industriale e soprattutto di un tipo di sistema costruttivo a “secco”(edifici realizzati senza l’utilizzo di leganti) presenta i vantaggi e le prerogative di sostenibilità ambientale, in quanto non vi sono sprechi di risorse e i consumi energetici vengono calcolati e controllati fin dall’assemblaggio del container.

Secondo progetto : Container Richie


Richie è un signore che desiderava stare in un luogo incontaminato e con vista lago, così ha deciso di comprare un container e posizionarlo nel luogo che desiderava per poi viverci dentro. Si è scelto personalmente il container e con l’aiuto di un architetto a iniziato il progetto della sua casa. La coibentazione è molto importante, per questo le pareti e il soffitto devono essere adeguatamente isolate per avere una buona protezione sia dal caldo che dal freddo. Dopo questo processo i muri vengono rivestiti con il cartongesso e successivamente dipinti. Gli spazi interni non sono molto spaziosi, per questo è meglio optare per un arredo minimal ed essenziale. L’intero progetto ha avuto il costo di 50.000 dollari. Qui potete vedere il video di questa realizzazione.

Terzo progetto : Container Adam Kalkin


Adam Kalkin, è un architetto che propone case prefabbricate ottenute dall’assemblaggio di diversi container. Sono case di 370 mq disposti su due piani: al piano terra c’è la cucina con la zona giorno, a quello superiore ci sono le camere da letto e i servizi. Il risultato finale è un ambiente compatto e unico nel suo genere, come la zona cucina che richiama l’idea di avere una caffetteria dentro casa, si sfrutta la modularità dei container per ricreare ambienti funzionali e originali. Il loro costo è in media di 125 dollari al mq (circa 95 euro/mq), una cifra che è alla portata di tutti.

Ciò che caratterizza maggiormente la struttura di queste casecontainer è l’uso delle vetrate, capaci di filtrare grandi quantità di luce naturale, e di stringere un forte rapporto con l’ambiente circostante, mentre l’intera impalcatura esterna è in acciaio che può essere rivestita a vostro piacere o dipinta dal colore che desiderate.

Quarto progetto : Container 8 rosso


L’architetto Patrick Partouche ha progettato e costruito un’abitazione in Francia di 240mq, composta da ben 8 container rossi. Le pareti sono state tagliate per consentire di installare finestre e porte, l’esterno è stato dipinto di un energico rosso ciliegia mentre l’interno è caratterizzato da luminose pareti bianche e colonne rosse. Al pian terreno, troviamo un box auto, un ripostiglio, la cucina, la sala da pranzo e il soggiorno mentre la zona notte è stata ricavata al primo piano, tagliando via i pavimenti dei container sovrastanti per permettere di soppalcare le stanze e collegarle attraverso passerelle in metallo.

Allora vi sono piaciuti questi progetti? Io li trovo mooolto interessanti, infatti tornerò a parlare di questo tipo di costruzioni molto presto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Captcha * Il limite di tempo è esaurito. Si prega di ricaricare il CAPTCHA.